Pagina 9 - numero_5

Versione HTML di base

E V E N T O D E L M E S E
F
OO
D TRUCK
ADVISOR
®
9
5 • 6 • 7 novembre 2016
MiCo
Milano Congressi
Milano
di
Antonella De Chiara
e
Minnie Luongo
L
a nota rassegna, ideata dal giornalista
Paolo Massobrio, è tornata
a Milano,
dal 5 al 7 novembre, negli spazi del
MiCo Fieramilanocity per l’undicesima
edizione
. Dalle cucine dei produttori,
le
specialità agricole d’eccellenza passano
direttamente al food truck
. Alcune
realtà sono già conosciute al pubblico della
rassegna, altre sono frutto di un anno di
nuove ricerche su tutto il territorio italiano.
Selezione fatta non tanto in base alla
regione quanto alla specificità.
Da non perdere assolutamente:
Patata di Oreno
, la patata bianca di
Oreno caratterizzata dal sapore particolare,
ricco e intenso trasformata in patatine
fritte e gnocchi.
Ape #non toccarmi la padella
, di
Baldassarre Agnelli Spa. A bordo lo chef
Michele Cannistraro (ha partecipato alla
terza edizione di Masterchef) con il suo
salmone canadese pescato all’amo abbinato
con una salsa di rucola e grana padano,
e polenta con salsa al grana padano e
cotechino sgranato.
Brianza che nutre
, direttamente dai colli
brianzoli con le sue specialità:
Mondeghini
,
(polpettine di carne),
Pan cassoeula
,
oppure il
Pan e formagitt
e
I Lecca lecca
di riso giallo
in alternativa alla carne. Per
finire,
torta paesana su stecco
. Insomma,
tradizione e innovazione al contempo.
Sciatt a porter
, locale milanese con
specialità valtellinesi tra le quali gli sciatt,
frittelline di grano saraceno, acqua e sale.
Un originale e gustoso take away.
Assopiemonte
, aderiscono i sei Consorzi
di Tutela dei formaggi a Denominazione di
Origine Protetta esclusivamente prodotti
in Piemonte: Bra, Castelmagno, Murazzano,
Raschera, Robiola di Roccaverano e Toma
Piemontese insieme a Crudo Cuneo dop
e Riso di Baraggia Biellese e Vercellese,
accanto ad altre specialità locali come la
salsiccia di Bra.
Piccolo Lago
, con lo chef Marco Sacco de
Il Piccolo Lago di Fondotoce di Verbania,
uno dei ristoranti più celebri d’Italia, la
cucina d’autore si degusta sulla strada.
Carbonara au koque, rielaborata dallo
chef con prodotti del territorio e in una
postazione a sé, la birra Hordeum, con una
linea di birre gluten free.
Riso Goio
, dopo il successo nella scorsa
edizione di Golosaria, propone quest’anno
una sfiziosa proposta di hambuerger di riso
in versione “street food”.
Tra gli espositori anche alcuni dei maestri
della gelateria artigianale italiana, con
gelati di facile digeribilità, realizzati con
materie prime di altissima qualità:
Ciacco Gelato
di Stefano Guizzetti,
tecnologo alimentare parmense, ha voluto
creare un gelato di qualità che fosse puro al
100%, senza alcun additivo, né naturale né
artificiale. Il suo gelato è denso e corposo,
ma di facile digeribilità.
Cool Gelateria Naturale
, in questo caso
non è un semplice slogan, ma è il vero
progetto realizzato dal maestro gelatiere
Roberto Andreoni. Tutti i gusti sono
realizzati utilizzando frutta e verdura
biologica di stagione.
Pasticceria Giotto dal Carcere di
Padova
, dolci prodotti presso la Casa di
reclusione di massima sicurezza “Due
Palazzi”. I loro panettoni svettano fra i
migliori d’Italia. Producono anche: biscotti,
torte e all’esclusiva linea di dolci preparati
recuperando antiche ricette medievali.
Inoltre, proprio a Golosaria, hanno proposto
la più recente linea dei gelati.
Ovviamente, se non siete riusciti a passare
a Milano in questi tre giorni di novembre,
prendete nota di Golosaria per l’edizione del
prossimo anno... e, in tutti i casi, segnatevi i
nomi degli espositori e trovate il modo e il
tempo di andarli a visitare!
LE CUCINE DI STRADA A
GOLOSARIA 2016
Per gentile concessione di Brianza che Nutre
Per gentile concessione di Brianza che Nutre
Per gentile concessione di Brianza che Nutre